Festival Internazionale del Film di Roma 2013,I migliori,Recensioni,Ultime uscite

Se chiudo gli occhi non sono più qui

19 set , 2014  

Se chiudo gli occhi non sono piu qui

Se riguarda un essere umano, allora non mi può essere estraneo

Publio Terenzio Afro

Amare la vita prima del suo senso

Fëdor Michajlovič Dostoevskij

“Nessuno è un mostro, Kiko. Nemmeno Ennio.
E Hitler, allora?
Siamo fatti della stessa polvere. Caduta dalle stesse stelle”

Questa storia non fa sconti ed è caratteristica rara nel cinema italiano dell’ultima generazione. Presentato nel 2013 al Festival di Roma – Alice nella città, Se chiudo gli occhi non sono più qui di Vittorio Moroni ci mostra, fotogramma dopo fotogramma, come la netta, manichea, dicotomia nero-bianco non sia peculiarità della realtà che ci circonda, del mondo in cui noi esseri umani dobbiamo vivere. Tutto è grigio, nel bene e nel male.

Un intenso, sanguinante Giorgio Colangeli in presenza (probabilmente il ruolo più importante della sua carriera sino ad oggi) ed un dolcemente carismatico Ignazio Oliva in absentia colorano l’universo del giovane Kiko, perennemente dilaniato tra lavoro e scuola, tra la famiglia reale e quella della memoria, tra luci ed ombre che lo spingono sempre più a desiderare la magia nascosta nel titolo, la fuga da una realtà che sembra essergli completamente, inesorabilmente ostile come il buco nero che divora la materia e tutto ciò che inghiotte…”non esce mai più”.

More…

, , , , , , ,

Monday Vatican

Pope Francis, looking back to the Second Vatican Council

16 set , 2014  

Second Vatican Council

There is a Council in the Pope’s mind. Not the Third Vatican Council, wished by many, especially within progressive circles. Rather, it is the Second Vatican Council, as it seems that Pope Francis is pursuing the spirit of the Council. The same spirit that 50 years ago had put the Church in a path of enthusiasm and renewal. A spirit which got lost in the long post-Council debate pitting those who maintained the Council was a rupture against those who underscored it represented continuity within the tradition.

The real problem is the Council, traditionalists used to say, seeing in the post-Council drifts the beginning of the ruin of the Church – withina scale that goes from the ultra-traditionalist Lefebvrists, to moderate seekers of truth. The real problem is the Council, the progressive wing used to say: they had conceived the era of the Council as a time of change, without understanding that the Church’s tradition, the Truth it proposes, is a fixed point that no Council can in the end even touch.

This is the reason why Pope Francis – the first Pope in 50 years who had not taken part in the Council, he just lived through it as a young priest in Argentina – seems to be seeking to place everything under that spirit, hoping to give rise to a discussion that will lead the Church to announce the Gospel in the existential peripheries, with enthusiasm and simplicity, and without too much moralism.

The Pope’s decision seems evident by scrolling down the list of the 26 participants appointed by him to the upcoming synod of bishops. Among them, Cardinal Godfred Daneels, over 80 years old, one of the main characters of the Council, in its most progressive wing; and Cardinal Walter Kasper, who has already outlined some of his views during the consistory convoked by Pope Francis last February, that discussed the family. But the list also includes people with different viewpoints. Like Cardinal Carlo Caffarra from Bologna, who has already presented opinions strongly contrary to Cardinal Kasper’s theses. And like Cardinal Fernando Sebastian Aguilar, whom Pope Francis wanted to recognize with an honorary red biretta (he has turned 80, thus he cannot participate in a conclave), but who is not part of the progressive wing. The list of Papal participants to the synod alternates old prelates and younger people the Pope likes. All of them are called to take part in a wide-open discussion, in a synod where – we can be sure of – a real doctrinal fight will take place.

This battle’s premises lead us to conclude that it will track the Second Vatican Council’s battle. In his last meeting with the Roman clergy, Benedict XVI spoke about a Council of the media and a real Council. Id est, about the Council as the media conceived it, according to a well-defined agenda, and about what really happened during the Council’s talks.

The contents of high-level meetings have been shared with ever more transparency in recent times, in order to avoid a Council-of-the-media effect. This is the reason why the synod of bishops had put together an impeccable structure for communications. Bishops’ statements,prepared in advance, were released at the end of the day and translated into five languages. Naturally, the synodal discussion was kept private, to favor spontaneity and open discussion. However, its atmospherics were described in four different languages to journalists.

Pope Francis’ decision to set a more informal tone for the synod recalls the times of the Council, with its well prepared discussions,but its contents not publicly released; and to the attempts by some Conciliar father to influence the likelihood of having one or another thesis prevail, by leaking documents to journalists.

The Council of the media was born this way. Today, we risk having a synod of the media and a real synod. On the “real side,” prelates have already started working to advocate for their positions. A book, “Remaining in truth”, decidedly opposes the way Kasper set the stage for the discussion of family during the consistory, especially the preferential option for mercy which would bring about a greater likelihood of allowing divorcees who have remarried to access Communion.

The book contains essays by five cardinals, and it is noteworthy that one of them is Cardinal Gerhard Ludwig Mueller, Prefect of the Congregation for the Doctrine of the Faith. Mueller has also addressed at length the issue of the family in an interview-book.

This is evidence that the synodal fight has already begun, and its outcome is not predictable.

The Synod of bishops will offer the first real testing ground to Pope Francis. Does the Pope aims at a real change? Or is he just trying to recall the spirit of the Council with the hope of uncovering again the prophecy that renewed the Church?

In fact, prophecy comes to light when its contents are clear, and there is structured thinking. The Second Vatican Council was the fruit of a theological ferment that had been flourishing for decades. The experience of worker priests had already taken place in France and Belgium. Everywhere, Catholics looked for a space in society, even through commitments in politics, encouraged by the Social Teaching of the Church. The former lands of mission (like the United States) had turned into well-established Catholic outposts, thus bringing to attention new issues.

Yet, a succession of popes was necessary before reaching the Council. Pius X fought Modernism, defending the Doctrine; Benedict XV propelled the Church’s missionary activity towards diplomatic activity; Pius XI had to deal with totalitarianism and defended the “piece of land” of the sovereign Vatican City State in order to help the mission; Pius XII laid the groundwork for the advent of John XXIII. And John XXIII finally tore down the wall, and convoked a Council. Then, Paul VI had to put things in order, supporting with intellectual finesse the post-Conciliar Church, moderating the opposing factions.

Paul VI halted the post-Conciliar drift by drafting a Nota Explicativa Praevia (an explicative Note) to the Council’s Dogmatic Constitution Lumen Gentium; by writing and proclaiming the Credo for the Year of Faith; and issuing the encyclical Humanae Vitae without subscribing to the conclusions that his advisors had presented to him. Paul VI thus established that the collegiality of bishops could go far, but not beyond doctrine. The disappointment of the many who had different expectations about what the encyclical would say led to one of the most difficult time periods of Paul VI’s pontificate.

What about Pope Francis? Speaking in an interview, Pope Francis defined Paul VI a hero for what he did in Humanae Vitae. It is yet to be seen if he will be as courageous as his role model. If – after two synods, the one in 2015 expected to include some decisions – the Pope’sdecisions will align with the media expectations, or if he will stand firm on doctrine.

Many are worried that their expectations will go unmet. Like the Jesuit Thomas Reese, who bitterly commented on the National Catholic Reporter that the papal picks for the synod were “disappointing,” and underscored that the Pope has pushed lay people aside and has appointed 25 representatives from the Curia, despite the fact that Curia officers should serve as the audience for an extraordinary synod and not as policy makers.

Reese’s analysis also concludes that Pope Francis’ picks are a blow to Curia reform. If in the synod the importance of the role of the laityis not recognized, and it is only the role of clerics that is appreciated instead –Reese’s reasoning goes– why should not the same thing happen in the reform of the Curia?

This reasoning must be laid on the table today, while the Council of Cardinals is having its fifth meeting.

The reform of Pastor Bonus – the Apostolic Constitution that regulates the functions of the Curia office – is still far away. There are many ideas being discussed, but until now the Council has just conceived an economic reform, and there are many bodies still without statutes.

Pope Francis has open a discussion over institutionalization as well. In order to overcome the Church’s evils, the Church itself must be put in a state of Permanent Council. Every structure, every office may be critically analyzed. To the point where the yet-to-be established Delicta Graviora office in the Congregation for the Doctrine of the Faith (an office that will deal with the most-serious crimes in the Church) maybe placed in Buenos Aires, rather than in the Roman Curia.

It remains tobe seen if this narrative – sometimes improvised, since Pope Francis wants it to be spontaneous – will turn into an institutional effort really capable of renewing the Church. Otherwise, Pope Francis could see the prophetic choices he has opted for since the beginning of his pontificate frustrated by the fact that they have not been institutionalized. The risk being that, after Pope Francis, everything will have to start again from zero.

, , , , , , , , , ,

Monday Vatican

Vescovi, le scelte di Papa Francesco

15 set , 2014  

Papa Francesco con i vescovi

Forse con Papa Francesco si sta completando la grande transizione dei vescovi cominciata sotto Benedetto XVI. In due posti chiave, Papa Francesco ha mostrato di seguire la linea tracciata da quello che è oggi il Papa emerito prima di lui: la scelta del Cardinal Rainer Maria Woelki come arcivescovo di Colonia, e la scelta dell’arcivescovo Carlos Osoro Sierra come arcivescovo di Madrid. Queste scelte sembrano portare avanti quella che era una transizione necessaria dai vescovi in posti chiave che guidavano le Conferenze Episcopali in stretto rapporto con Roma a una nuova generazione di vescovi, dalla vocazione pastorale ma teologicamente formati. Pastori credibili, che sappiano portare avanti la tradizione della Chiesa, e andare oltre le difficoltà fornite da un mondo secolarizzato.

Certo, le storie di Colonia e Madrid sono molto diverse. Nel primo caso Joachim Meisner, il predecessore del Cardinal Woelki alla guida della diocesi, era stato scelto proprio per il suo tratto umano unito alla grande capacità pastorale nonché la fermezza teologica, bypassando lo stallo del Capitolo, che ci aveva messo 14 mesi prima di scegliere un successore, e lo era riuscito a fare solo sotto una forte indicazione papale.

More…

, , , , , ,

I migliori,Recensioni,Ultime uscite,Venezia 70

Si alza il vento, capolavoro-testamento di Hayao Miyazaki, resterà in sala solo dal 13 al 16 settembre! Una visione imperdibile

13 set , 2014  

Si alza il vento

Col suo ultimo lungometraggio, Si alza il vento, giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Hayao Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, di raccontare se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. In concorso alla 70a Mostra del Cinema di Venezia.

Le nuvole e poi…

Jiro sogna di volare e di progettare splendidi aeroplani, ispirati dal famoso ingegnere aeronautico italiano Caproni. Miope dalla più tenera età e quindi impossibilitato a diventare pilota, Jiro entra a far parte della divisione aeronautica di un’importante industria meccanica giapponese nel 1927. Il suo genio viene presto riconosciuto e il protagonista giunge a diventare uno dei migliori ingegneri aeronautici del mondo… [sinossi - labiennale.org]

Le vent se lève!
…il faut tenter de vivre!

Iniziano quasi sempre dall’alto, dal cielo, dall’azzurro limpido e rassicurante le opere di Miyazaki. Si rifugia tra le nuvole col suo mehve Nausicaä, la principessa della Valle del Vento; sale su una scopa traballante e si avventura nel cielo notturno la streghetta Kiki; sfreccia sopra l’Adriatico per una nuova missione il protagonista di Porco Rosso. Il cielo come luogo altro rispetto alla Terra, lontano dalla barbarie degli uomini, immerso in un silenzio poetico. Il cielo come teatro di evoluzioni e traiettorie eleganti, luogo ideale per le passioni del cofondatore dello Studio Ghibli: gli aerei e il volo.

More…

, , , , , , ,

I migliori,Recensioni,Ultime uscite

The Giver – Il mondo di Jonas

12 set , 2014  

The Giver

In un futuro indefinito, costruito sulle rovine del precedente ordine mondiale, vive una comunità in cui tutte le differenze tra gli esseri umani sono state abolite. E’ un mondo in bianco e nero (letteralmente) in cui le persone non hanno cognomi, solo nomi di battesimo, e vivono in unità abitative in cui, ad ogni coppia di genitori, vengono assegnati per legge due figli, rigorosamente un maschio e una femmina.
Qualunque tipo di dissidio è bandito, ci si chiede scusa di continuo e, sempre al fine di evitare conflitti, è severamente vietato mentire.

L’anomalia più forte, però, risiede nel fatto che nessuno abbia memoria degli eventi che hanno portato a quell’ordine sociale così rigido. Nessuno mastica concetti come guerra, violenza e odio e anche solo l’idea che gli uomini, in passato,  potessero uccidersi tra loro rappresenta qualcosa di inimmaginabile.
Una sola persona, chiamata il Donatore, ha il compito di custodire le memorie dell’umanità all’interno di questa società solo apparentemente perfetta.
Quando il giovane Jonas (Brenton Thwaites) viene designato come futuro custode, il precedente Donatore (Jeff Bridges) si assume l’onere di iniziarlo a tutte quelle emozioni che al resto del mondo sono negate. Il ragazzo scopre quindi che, insieme ai sentimenti e alle esperienze negative, ci sono anche cose belle di cui il suo mondo si sta privando senza saperlo.
Una in particolare, l’amore, scardina tutto il sistema di certezze di Jonas e lo induce a riflettere su come quella società possa non essere la migliore delle possibili.

More…

, , , , ,

Eventi,Venezia 71

I GRANDI FESTIVAL: Venezia e Locarno a Roma dal 10 al 18 Settembre

11 set , 2014  

Venezia e Locarno a Roma_Locandina

Nonostante le difficoltà produttive ed organizzative, anche quest’anno la Capitale ospiterà a Roma i film della 71ª Mostra di Venezia e del 67° Festival di Locarno, per un totale di 49 opere presentate in 12 sale. Ideata dal compianto Gianni Borgna, la manifestazione “I Grandi Festival”, che porta nelle sale di Roma e del Lazio è divenuta negli  anni un appuntamento atteso e frequentatissimo da pubblico, critica e cinéphiles. Realizzata dall’ANEC Lazio con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale, dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, e della Direzione Generale per il Cinema del MIBACT, la Rassegna consente di vedere – in versione originale con sottotitoli – molte opere di alta qualità che difficilmente troveranno una distribuzione in Italia.

“Iniziative come questa mi rendono felice – ha affermato Lidia Ravera, Assessore alla Cultura della Regione – portare a Roma e nel Lazio i grandi Festival cinematografici significa mettere a disposizione dei cittadini il privilegio culturale rappresentato dai Festival. Credo sia un modo per far riavvicinare le persone ai cinema, mettendo loro a disposizione le opere migliori, si crea un pubblico affezionato”.

More…

Recensioni,Ultime uscite,Venezia 71

I nostri ragazzi

11 set , 2014  

I nostri ragazzi

Paolo (Luigi Lo Cascio) e Massimo (Alessandro Gassman) sono due fratelli con caratteri molto diversi, quasi agli antipodi. Il primo, chirurgo pediatra, ha una visione della vita in cui bene e male sono distinti in maniera piuttosto manichea, mentre l’altro è più abituato alle scale di grigi e dotato di tutto il cinismo necessario per svolgere al meglio il mestiere di avvocato.

Nonostante abbiano così poco in comune, Paolo e Massimo conservano ormai da anni l’abitudine di cenare una volta al mese, nello stesso ristorante, insieme alle rispettive consorti (Giovanna Mezzogiorno e Barbora Bobulova) che a stento riescono a celare la reciproca antipatia.

Questo fragile equilibrio implode la sera in cui la trasmissione “Chi l’ha visto?” manda in onda le immagini, riprese da una telecamera di sorveglianza, che mostrano due ragazzi molto simili ai loro figli adolescenti, mentre picchiano selvaggiamente una senzatetto fino a ridurla in coma. Dopo l’iniziale e comprensibile incredulità, le due coppie cercano di affrontare, ognuna a suo modo, le conseguenze che quel gesto sconsiderato potrebbe avere sulle loro vite, ritrovandosi a interrogarsi su quanto poco conoscano le rispettive realtà familiari.

More…

, , , , , , , ,

Monday Vatican

Pope Francis, on the footsteps of the unknown Pope?

10 set , 2014  

Benedict XV

«The Church is proud of having sons like you. You are her strength and the concrete and authentic testimony of the Church’s salvation, forgiveness and message of love. I embrace you all, may the Lord bless you and always protect you.» At the end of the September 3 General Audience, Pope Francis directed his greetings to Arab-speaking pilgrims, «especially those who come from Iraq.» He was no doubt thinking about the persecution of Christians there. Perhaps many of them will not return to their homes, since they live in panic after the advance of the Islamic State.

The Church, however, is concerned about all human beings. Thus, the Pope’s message for the Iraqi population is a message for all persecuted peoples. A message which stands out even more because it was delivered  on September 3, the 100th anniversary of Benedict XV’s election as pope.

Elected on the eve of the First World War, Benedict XV’s is known mostly because of the note to the belligerent countries he delivered August 1, 1917. In that note, the Pope proposed a plan for peace, and described war as a “useless massacre.”

More…

, , , , , , , , , , , , ,

Eventi,Recensioni,Ultime uscite

THE DIRECTOR – Inside The House of Gucci l’8,9,10 settembre@The Space Cinemas

8 set , 2014  

Christina Voros e James Franco

Distribuito da The Space Movies e Universal Pictures, giunge oggi nelle sale italiane il tributo di James Franco al talento di Frida Giannini ed alla Maison Gucci, intitolato THE DIRECTOR – Inside The House of Gucci e diretto da Christina Voros.

Resterà nei cinema soltanto per tre giorni, l’8 – 9 – 10 SETTEMBRE 2014 ed il responsabile della distribuzione The Space Movies Francesco Di Cola ha così spiegato le ragioni della scelta del docufilm per il grande schermo: “Con The Director prosegue l’impegno di The Space Movies per portare agli spettatori contenuti di grande valore. Questa volta portiamo nei cinema un’icona dello stile italiano; il racconto di come dietro la perfezione di una creazione di altissima qualità ci siano mesi di impegno, passione, esercizio di creatività”.

E’ “Il mio omaggio alla creatività italiana”, ha dichiarato James Franco, qui in veste di produttore. L’alta moda, la bellezza, la creatività interpretate da Frida Giannini.

La pellicola, prodotta da James Franco e diretta da Christina Voros, racconta la storia di Gucci sotto la guida stilistica di Frida Giannini: un ritratto del Direttore Creativo che ha ridisegnato il passato in chiave contemporanea.

Il Direttore Creativo di Gucci Frida Giannini ha raccontato: “James Franco ed io siamo stati invitati a intervistarci per un servizio speciale che sarebbe uscito su Harper’s Bazaar America, e quando gli ho chiesto “Qual è il tuo prossimo progetto?”, lui mi ha risposto, “Realizzare un documentario su di te”.  [...] Credo di aver accettato di fare questo documentario perché penso che il glamour del mondo della moda nasconda tutto il lavoro che sta a monte e per un marchio con 90 anni di storia, come Gucci, c’è così tanta artigianalità nei nostri prodotti e nelle nostre collezioni che merita di essere raccontata. Ho pensato che sarebbe stato interessante avere il punto di vista di una persona esterna per descriverlo”.

 La Maison fiorentina, fondata nel 1921 da Guccio Gucci, ha un legame molto stretto con il mondo del cinema fin dagli anni ’60, quando alcune stelle del cinema americano in viaggio verso Roma rimasero affascinate dall’eccezionale maestria di alcuni artigiani in un negozio di pelletteria Gucci. Al loro ritorno a Hollywood, recitarono nei film indossando gli accessori acquistati, contribuendo al successo internazionale del marchio. Novant’anni dopo, Frida Giannini prende ispirazione dal mondo del cinema, dell’arte e della musica per reinterpretare le icone storiche della Maison, rese uniche dalla sua visione creativa.

 Sviluppato in tre atti, The Director – Inside the House of Gucci è un docufilm che ripercorre 18 mesi dietro le quinte della Maison, esplorando la vita professionale del Direttore Creativo.

 “La maison Gucci è diventata talmente iconica che il suo simbolismo ormai rappresenta un mondo nell’immaginario collettivo”, ha dichiarato la regista Christina Voros, a proposito di The Director.

“La mia speranza è che il film accompagni il pubblico in un viaggio attraverso la visione creativa di Frida Giannini e l’industria nella quale sta lasciando il suo segno indelebile”.

THE DIRECTOR – Inside The House of Gucci sarà visibile nelle sale italiane solo l’8, 9 e 10 Settembre, distribuito da The Space Movies in collaborazione con Universal Pictures e Feltrinelli Real Cinema.

Su Facebook, lo trovate qui;-)

 

 

 

 

 

, , , , , ,

Anteprime,I migliori,Occhi aperti,Venezia 71

No One’s Child vince la Settimana Internazionale della Critica di Venezia 71

6 set , 2014  

No ones child

Va al serbo No One’s Child di Vuk Ršumović la Settimana Internazionale della Critica 2014. La storia di un ragazzo selvaggio e del suo inserimento nella società juvoslava poco prima dello scoppio della guerra nei Balcani.

Uomini e lupi

Nella primavera del 1988, fra le montagne della Bosnia, viene ritrovato un bambino cresciuto fra i lupi. Gli viene dato il nome di Haris e viene inviato in Serbia, all’orfanotrofio di Belgrado, dove è affidato alle cure di Ilke. Qui diventa amico inseparabile del piccolo Žika e, col tempo, impara a pronunciare le sue prime parole. Ma nel 1992, nel pieno della guerra, le autorità locali lo costringono a tornare in Bosnia, dove viene armato di fucile e spedito al fronte. E una notte, per la prima volta nella sua vita, il ragazzo prende una decisione tutta sua…

Il regista serbo Vuk Ršumović ha presentato alla Settimana Internazionale della Critica la sua opera prima: una bruciante rilettura, metaforica quanto approfondita, del conflitto nella ex-Yugoslavia.

Bambini e guerra non sono un argomento alla portata di tutti, ne sa qualcosa, ad esempio, Michel Hazanavicious, che dopo aver intascato l’Oscar con The Artist, ha decisamente alzato il tiro, portando all’ultimo Festival di Cannes, con The Search, un roboante melodramma bellico ambientato durante la seconda guerra in Cecenia, con tanto di bambini perduti poi miracolosamente ritrovati e una struttura narrativa la cui ardita elaborazione mal si accorda alla durezza degli eventi in esame.

More…

, , , ,